Go to Top

Long Hó – Scuola di kung fu – tai chi fèng huáng Associazione sportiva dilettantistica

long ho

a



DSC_0980  DSC_0996DSC_0993  DSC_1011

 

L’Associazione Sportiva Long Hó è presente a Landriano dall’ottobre 2004 iniziando la sua attività nella palestra della biblioteca, sede della scuola di Judo del Maestro Piacentini, che ringrazio per la sua disponibilità nel cedermi lo spazio e la sua attrezzatura (materassine) per lo svolgimento della mia attività. Dal settembre 2005 siamo passati nella palestra della vecchia scuola elementare dove siamo presenti ancora oggi.

 

Che cosa è il KUNG FU ?  Letteralmente tradotto “DURO LAVORO”.

Il Kung Fu è una antica disciplina marziale cinese nata più di 2000 anni fa per merito di un monaco buddista di origine Indiana di nome Bodhidarma, che si stabilì in un luogo della Cina creando il monastero di Shaolin

Nell’arco dei secoli il Kung Fu cresce, si evolve, nascono scuole, si diffonde soprattutto tra i contadini e la popolazione povera, quindi non più a vantaggio della nobiltà Taoista. Nel contempo il Kung Fu si diffonde oltre che in tutta la Cina, anche in Vietnam e in Corea.

Per questo più di una volta il monastero di Shaolin viene distrutto e i suoi seguaci assassinati. Ma ogni volta viene ricostruito e i sopravvissuti riprendono l’insegnamento del Kung Fu.

Oggi il monastero di Shaolin è meta non solo turistica, ma accoglie anche numerosi Maestri che vogliono aggiornarsi e conoscere più approfonditamente lo stile e la filosofia dell’arte marziale.

Insegnare arti marziali è difficile, perché l’arte marziale tende a costruire, costruire per il futuro.

Non serve praticarla solo per irrobustirsi, imparare a difendersi o peggio ancora come qualcuno pensa, essere violenti. La violenza non ha mai risolto nulla. Violenza chiama violenza.

Le discipline marziali hanno la prerogativa di creare persone caratterialmente forti, che riescano ad affrontare con sicurezza e coraggio ogni evento che la vita mette loro davanti. Insegna ad accettare la sconfitta, a sopportare il dolore (non solo quello fisico), ad essere tolleranti ed aiutare chi più ne ha bisogno.

Per questo, in ogni nostra gara della nostra Scuola l’ingresso è libero, diamo la possibilità ad Associazioni di Beneficenza, di essere presenti in modo da sensibilizzare sia gli atleti che gli spettatori presenti, raccogliendo fondi e divulgando le loro iniziative a sostegno dei più bisognosi.

La scuola FÈNG HUÁNG, infatti, ha collaborato con il C.E.R.P. di Pieve Emanuele, con l’Associazione Lombarda Fibrosi Cistica (con sede a Milano), con la Fondazione per la lotta contro la Fibrosi Cistica (con sede a Verona, Sezione di Milano) e con la Croce Rossa Italiana sezione di Pieve Emanuele.

 

Le nostre gare:

  • Forme individuali a mani nude “Thao Quyền”;
  • Forme individuali con armi di base e superiori “Thao Quyền VU KHÍ ÐAO”;
  • Forme a coppie e a squadre a mani nude e con armi “Song Luyện”;
  • Combattimento sportivo tradizionale individuale e a squadre “VÕ TU DO”;
  • Combattimento sportivo tradizionale individuale e a squadre con armi “VU KHÍ ÐAU”;
  • Combattimento SANDÁ (con il KO);

Oggi la tendenza delle gare nello sport è quella di partecipare e vincere. Vincere ad ogni costo.

Non c’è niente di più sbagliato.

Mi rifaccio ad una lettera che ho scritto ai miei atleti qualche anno fa:

 

Vincere e gioire, perdere e piangere sono la stessa cosa.

Vincere e gioire ci lascia sempre un po’ di tristezza nel cuore, come perdere e piangere ci lascia un po’ di gioia.

Un’emozione così possiamo provarla solo quando in quello che facciamo abbiamo dato tutto di noi.

Capire che quello che conta, nello sport, nella scuola e nella vita in genere è stupendo solo se abbiamo dato il massimo di quello che siamo e abbiamo.

E se oggi, dando il massimo ho perso, farò in modo domani di migliorarmi, con più impegno e maggior volontà.

Sempre con lealtà e rispetto nei confronti di coloro che si confrontano con noi e vivono intorno a noi. Solo così potremo essere soddisfatti di noi stessi, accettare i nostri difetti e soprattutto accettare anche i nostri limiti.

Non siamo invincibili. Bisogna saper accettare la sconfitta con serenità.

Solo le sconfitte ci danno gli stimoli per migliorarci e continuare. Le vittorie col tempo si dimenticano. Ed è solo così che si potrà formare il carattere di ognuno.

E’ difficile parlare così anche ai bambini, perché si pensa sempre che siano troppo piccoli per capire, ma i bambini di oggi non sono piccoli, sono grandi. Più grandi di quanto si possa immaginare.

Si diventa grandi giorno per giorno

 Anch’io divento grande ogni volta che sono con i miei atleti.

 

Il luogo di allenamento è la palestra della vecchia scuola elementare di Landriano: l’ingresso è il cancello dietro la caserma dei Carabinieri.

ORARI

Lunedì           dalle 18,15 alle 19,30 bambini

                      dalle 19,30 alle 21,30 adulti

Giovedì          dalle 18,15 alle 19,30 bambini

                      dalle 19,30 alle 21,30 adulti

L’Associazione Long Hò oltre alla ginnastica e lo stretching, pratica l’antico metodo tradizionale di allenamento per la tecnica e il combattimento (con e senza armi), insegna l’uso delle armi tradizionali, la difesa personale, il thai chi e l’autodisciplina (cioè il controllo delle nostre azioni e reazioni ).

Il Kung Fu (come altre valide discipline marziali), può essere un punto di riferimento per bambini e giovani in generale, perché in un mondo che oggi non riesce più a trovare un suo equilibrio, con i giusti stimoli, può essere la base per il futuro di tutti noi.

 

Ricordo le cinque virtù del KUNG FU FÈNG HUÁNG

  • PAZIENZA
  • CORAGGIO
  • UMILTÀ
  • SINCERITÀ
  • SAGGEZZA

 

GIAO SU

   Alberto Mantegazza